Pacchetto Imparare l'Inglese
Pacchetto Grammatica Greca

Pacchetto Grammatica Latina

Selezione di testi per favorire ed approfondire lo studio della Grammatica Latina, con riassunti teorici (di morfologia e sintassi) e tavole morfologiche raccolte nella scheda riassuntiva. A completare il pacchetto, un quaderno di esercitazioni per mettersi alla prova e verificare autonomamente le conoscenze acquisite.


11,50 €
9,20 € Risparmia 20%


12,50 €
10,00 € Risparmia 20%

24,00 €
19,20 € Risparmia 20%
Tasse escluse
Quantità

Descrizione Pacchetto

Per lo studio e il ripasso della Grammatica latina, sia per Liceo Classico sia per le altre Scuole Superiori, per verificare le conoscenze apprese in classe o per lo studio autonomo della materia.

Descrizioni Libri Pacchetto

Compendio di grammatica latina

Morfologia e sintassi del latino, da rosa, rosae al discorso indiretto (oratio obliqua), passando per i pronomi (hic, haec, hoc), i numerali, i verbi regolari e irregolari, i deponenti, volo, nolo e malo, eo, fero. Con grande attenzione dedicata alla sintassi dei casi e una full immersion nella sintassi del periodo, con la costruzione delle proposizioni principali e di tutte le subordinate (soggettive, oggettive, finali, consecutive, causali, avversative, relative proprie e improprie, periodo ipotetico indipendente e dipendente…), attrazione modale, consecutio temporum e anteriorità dei tempi. Il testo illustra esaurientemente tutto il programma della grammatica latina che si svolge a scuola.


Argomenti trattati:

MORFOLOGIA:

Alfabeto latino - Le declinazioni - Aggettivi - Pronomi - Numerali - Verbo regolare - Particolarità delle coniugazioni - Verbi deponenti - Principali verbi irregolari - Verbi deponenti irregolari - Verbi anomali e difettivi - Verbi impersonali, fraseologici e servili - Avverbio, preposizione e congiunzione

SINTASSI DEI CASI:

La concordanza - Nominativo - Genitivo - Dativo - Accusativo - Vocativo - Ablativo - Determinazione di tempo, di luogo e di spazio

SINTASSI DEL PERIODO:

Proposizioni principali - Le tre regole delle proposizioni subordinate - Proposizioni subordinate soggettive e oggettive - Altre proposizioni subordinate

Scheda tecnica

Tipo Scuola
Scuole Superiori
Numero Pagine
316
Altezza
150
Larghezza
105

Latino - traduzione, grammatica, esercitazioni

Rivolto agli studenti che frequentano il secondo anno della Scuola Superiore, soprattutto in vista del passaggio al terzo anno. Ciò non esclude che possa risultare utile anche agli studenti degli anni successivi. Il manuale costituisce uno strumento pratico che aiuta lo studente ad acquisire e/o a consolidare il metodo di approccio alla traduzione. Dopo una prima parte, dedicata ai fondamenti della grammatica (declinazioni, coniugazioni, subordinate ecc.) segue un capitolo relativo al lessico, quindi la terza parte con il metodo di traduzione e la quarta dedicata alle esercitazioni pratiche. Completa l’opera un’appendice con la soluzione dei ventuno brani da tradurre, divisi in tre livelli di difficoltà.


IL LATINO SERVE DAVVERO?
Molti altri argomenti sono stati proposti a favore dell’utilità del latino. Ciò che si sente comunemente dire è che “il latino è utile perché forma la mente, ossia aiuta a strutturare le capacità logiche del pensiero e del linguaggio”. Forse è possibile dire di più, anche se per ora si tratta di una semplice ipotesi, che viene qui cautamente proposta solo come riflessione e che richiederebbe accurati approfondimenti per accertarne l’attendibilità.
Ora, il latino è una lingua estremamente logica e coerente nelle sue strutture profonde, sia a livello sintattico (il che è reso necessario dall’assenza degli articoli determinativi e indeterminativi e dal conseguente uso delle declinazioni), sia a livello lessicale e, quindi, di pensiero.
L’analisi logica e del periodo, che costituiscono il fondamento dell’insegnamento del latino nonché il vero motivo per cui lo si studia, permettono innanzitutto di porre in evidenza la struttura sintattica generalmente coerente e precisa propria di questa lingua. Per fare poi un esempio a livello lessicale, basti pensare che in latino la maggior parte dei verbi semplici formano ciascuno, in unione con le diverse preposizioni, dieci-quindici verbi composti dai significati diversi, significati che sono tutti immediatamente ricavabili, con il puro e semplice ragionamento e senza il vocabolario, una volta che sia noto il significato del verbo base e delle preposizioni (che sono poche, e sempre le stesse). Il latino, un po’ come il greco antico, è una lingua che, in generale, non richiede memoria, ma la cui comprensione si basa soprattutto sulle capacità di fare collegamenti e di ragionare sulle parole.
Se, come è stato scientificamente dimostrato, la capacità di compiere calcoli matematici è strettamente dipendente dalla capacità di strutturare logicamente il discorso, ci si può chiedere se sia possibile considerare il latino, proprio per le strutture estremamente logiche che gli sono proprie, come una “palestra” che potrebbe contribuire in modo sostanziale alla formazione e allo sviluppo di tale capacità.

È possibile, naturalmente, aggiungere molti altri argomenti in favore dell’insegnamento di questa lingua. Il latino è stato, in Europa, la lingua della scienza e della comunicazione internazionale tra scienziati fino al XVIII secolo. In latino sono state scritte opere fondamentali della cultura europea e sono state tramandate opere notevoli, che altrimenti sarebbero andate perdute, della letteratura, della filosofia e della scienza greca. Il latino è ancora oggi la lingua ufficiale della comunicazione internazionale nel campo delle Scienze dell’Antichità.


DESTINATARI, STRUTTURA E SCOPI DI QUESTO LIBRO
Questo volume si rivolge in primo luogo agli studenti che frequentano il II anno della Scuola Superiore, soprattutto in vista del passaggio al III anno. Ciò naturalmente non esclude che esso possa risultare utile anche agli stessi studenti del III anno e degli anni successivi, soprattutto quando sia necessario ripassare e consolidare il metodo di approccio alla traduzione.
Lo scopo del volume è quello di costituire uno strumento pratico che, ponendo in luce gli elementi maggiormente necessari in vista della traduzione dal latino all’italiano, aiuti lo studente ad acquisire e, nel caso sia già stato acquisito, consolidare il metodo di approccio alla traduzione. Non si tratta dunque di un semplice eserciziario, inteso come una raccolta di brani di versione con le relative soluzioni, quanto piuttosto di un “sostegno” momentaneo, le cui indicazioni andranno poi applicate su altri testi: dagli eserciziari, ai libri di testo, alle edizioni complete dei testi originali degli autori latini. Questo spiega il numero limitato di brani proposti quali esercitazioni: lo scopo non è tanto quello di “far fare esercizio”, ma piuttosto quello di far acquisire e consolidare il metodo, che andrà poi applicato altrove.
Accanto allo scopo strettamente legato all’ambito scolastico, il volume in­ten­de, più in generale, accompagnare gli studenti, quando si accingono a leggere testi latini con il testo a fronte, ossia con la traduzione già disponibile, alla com­prensione del modo in cui sono costruiti i testi anche degli autori più difficili del­la letteratura latina. Si ritiene, infatti, che analizzare e “destrutturare” un bra­no latino per comprenderne la costruzione e la complessità e tornare poi alla lettura del testo originale “così com’è”, non significhi necessariamente impoverirne la lettura, ma piuttosto poterne apprezzare in modo più profondo la bellezza.

Dopo una prima parte, dedicata ai fondamenti della grammatica maggiormente necessari in vista del lavoro di traduzione (declinazioni, coniugazione verbale, tipi di proposizioni più frequenti e consecutio temporum), segue un capitolo relativo al lessico, in cui sono illustrate alcune indicazioni pratiche che risultano utili al fine di ricostruire il significato di vocaboli ignoti in base al loro collegamento con la radice di vocaboli già conosciuti.
La terza parte è infine dedicata, più concretamente, alla presentazione del metodo pratico che dovrebbe stare alla base del lavoro di traduzione: dopo un’indicazione teorica e schematica di tale procedura, si passa all’analisi concreta di tre brani di diversa difficoltà (livello 1, 2 e 3).
Poi esercitazioni pratiche: lo studente viene guidato gradualmente nell’applicazione del metodo di traduzione su ventuno brani di diversi autori, presentati anch’essi in base a tre livelli di difficoltà (sette brani per ogni livello). Anche all’interno dei singoli livelli, il lavoro sui brani si presenta graduato, in quanto è richiesta una sempre maggiore indipendenza da parte dello studente nell’applicazione del metodo di traduzione. È presente, infine, un’appendice dedicata alle soluzioni, in cui è presentata la traduzione dei ventuno brani proposti quali esercitazioni, affinché lo studente possa controllare l’adeguatezza del proprio lavoro.

Scheda tecnica

Tipo Scuola
Scuole Superiori
Numero Pagine
167
Altezza
210
Larghezza
150
Peso
191