Pacchetto Ripasso Paradiso
Pacchetto Ripasso Inferno

Pacchetto Ripasso Purgatorio

Promozione dedicata al ripasso del Purgatorio della Divina Commedia: la pratica scheda riassuntiva dei canti è completata dall'analisi dei singoli personaggi e dal testo integrale con versione in prosa, in modo da fornire tutto il necessario per completare i testi di adozione, specialmente quando di difficile consultazione.


12,00 €
9,60 € Risparmia 20%


7,00 €
5,60 € Risparmia 20%


5,00 €
4,00 € Risparmia 20%

24,00 €
19,20 € Risparmia 20%
Tasse escluse
Quantità

Descrizione Pacchetto

Testi riassuntivi che permettono, in poche pagine, una visuale completa sulla Cantica, analizzando tutti gli aspetti: testo, riassunto, prosa, personaggi e schemi.

Descrizioni Libri Pacchetto

Edizione in prosa

Una vera e propria edizione integrale del Purgatorio di Dante. Di ogni Canto, dopo un sommario sintetico, viene fornito il testo originale (sulla facciata sinistra) con una puntuale versione in prosa (sulla facciata a destra), che evita agli studenti la fatica di ricercare i sinonimi e permette loro di comprendere, parola per parola, i passi più difficili della Divina Commedia. Ottimo strumento per svolgere la parafrasi, che è prassi comune nelle scuole.


Sulla pagina a sinistra trovi il testo originale, su quella di destra, la trasposione in prosa. Segue estratto in prosa.

Canto I
Proposizione e invocazione alle Muse e in particolare a Calliope. L’aspetto del nuovo cielo e le quattro stelle. Incontro con Catone, il quale parla con Virgilio. Questo lava il viso di Dante e gli cinge i fianchi con un giunco.

1-12    Ormai la navicella del mio ingegno, che lascia dietro di sé un mare così tempestoso, l’inferno, alza le vele per percorrere un mare più tranquillo, e canterò del Purgatorio, di quel secondo regno, nel quale l’anima dell’uomo si purifica e diventa degna di salire al cielo. Ma a questo punto la poesia, che fino ad ora ha cantato le anime dannate (morta), risorga, o sante Muse, poiché a voi io sono consacrato (vostro sono), e qui Calliope alzi alquanto la sua voce, accompagnando (seguitando) la mia poesia con quell’armonia (suono) di cui le infelici Piche, figlie del re, Pierio, sentirono talmente la superiorità, che non sperarono di poter essere perdonate.

13-27    Un tenero colore azzurrino di zaffiro orientale, che era diffuso (s’accoglieva) nell’atmosfera (mezzo) serena, pura fino all’orizzonte (primo giro; ma secondo altri: fino al cielo della Luna), ridiede (ricominciò) gioia ai miei occhi, appena uscii fuori dall’atmosfera infernale (aura morta), che mi aveva rattristato la vista e l’animo (petto). Il bel pianeta di Venere, che invita (conforta) ad amare, faceva risplendere (rider) tutta la parte orientale, velando con la sua luce la costellazione dei Pesci, che lo seguivano (erano in sua scorta). Io mi volsi verso destra e fissai la mia attenzione (puosi mente) al polo.

Scheda tecnica

Tipo Scuola
Scuole Superiori
Numero Pagine
336
Altezza
165
Larghezza
120
Peso
211

Divina Commedia - Purgatorio - Elenco dei personaggi

Chi è veramente quella Matelda che nel paradiso terrestre immerge le anime nelle acque del Lete e dell’Eunoè? Che cosa rappresenta Virgilio nel cammino spirituale di Dante? Perché gli invidiosi nel Purgatorio hanno gli occhi cuciti da un fil di ferro? A tutte queste domande e a molte altre ancora risponde il pratico ma esauriente prontuario sui Personaggi della Divina Commedia, diviso in tre volumi dedicati ciascuno a ogni cantica, Inferno, Purgatorio e Paradiso. Di ogni personaggio viene presentata la storia e il ritratto, con notizie fondamentalmente biografiche e poi la sua analisi nell’ambito dell’opera dantesca con il giudizio che l’autore esprime su ciascuno di essi.


Estratto:

Maghinardo Pagani di Susinana
Inferno, canto XXVII (50-51)
Purgatorio, canto XIV (118)


Storia e ritratto del personaggio
Figlio di Pietro di Pagano, nacque nel­­la prima metà del XIII secolo e fu affidato dal padre morente alla tu­tela del Comune di Fi­renze in cam­bio di una forte som­ma di denaro. Nel 1273, M. era già il capo au­torevole della fa­zione ghibellina di Imola e Faen­­za, in lotta contro la famiglia guel­­fa dei Sassatelli, ai danni dei qua­­li edificò il forte di Galisterna. Nel 1275 divenne po­destà di Faen­za e partecipò alla le­ga antibolognese facente capo a Gui­do da Montefeltro e sostenuta dal­­la famiglia Guidi. Per raf­for­­za­re la sua posizione, M. decise poi di prestare giuramento all’Imperatore Rodolfo. Tuttavia, a par­tire dal 1280, iniziò sempre più decisa l’ope­ra di recupero del­la pro­pria in­fluenza sulla Romagna da parte del Papato e, nel 1283, M. fu costretto a lasciare Faen­za. Si co­a­liz­­zò allora con i Man­fredi di Bologna, dimenticando contrasti ideo­logici e politici e, nel 1286, riprese Faenza e For­lì dove fu riconosciuto nuovamente signore. Tut­tavia questo suc­cesso du­rò poco anche questa vol­ta poiché, aven­do suscitato scon­­tento, M. fu espul­so da Faenza dagli stessi com­pagni di fazione che gli preferirono un legato pon­tificio. Fu in que­sta circostanza che emerse quan­to for­te fosse il legame che uni­va M. a Firenze e viceversa. M. infatti, compiendo un clamoroso voltafaccia, si mi­­se a disposizione di Firenze guel­fa nella lotta con­tro i Ghibellini toscani e partecipò, con la pri­ma, alla battaglia di Cam­­pal­di­no (11 Giugno 1289). Pre­­sentandosi così come guel­­fo con­vinto, M. riuscì a farsi eleg­ge­re nuovamente signore di Fa­en­za, men­tre que­sta era ancora sotto l’in­fluenza del Papato. L’an­­no dopo, nel 1290, però la Ro­magna era nuo­vamente in rivolta contro il go­vernatore pon­tificio Pietro Colonna, il qua­le fu cacciato da Rimini e Ra­venna a opera dei Manfredi. M. compì allora un altro vol­­tafaccia e si riavvicinò ai Ghibellini, a capo dei quali sconfisse il nuovo legato papale Ildebrandino Guidi e ottenne, nel 1294, la signoria di Faenza e For­lì.

(segue...)

Scheda tecnica

Tipo Scuola
Scuole Superiori
Numero Pagine
224
Altezza
150
Larghezza
105

La Scheda, che si apre a ventaglio, presenta sulla facciata un disegno molto chiaro che illustra la struttura della montagna del Purgatorio. Seguono poi mini riassunti dei 33 Canti: ogni Canto riporta la sua tematica principale (Canto I: ansia di Dante per il raggiungimento della libertà morale) ed evidenzia con un colore diverso il nome dei personaggi incontrati. Ottimo strumento, estremamente conciso, per avere una visione d’insieme di tutto il contenuto della cantica e delle sue sequenze.


Scheda plastificata del Purgatorio della Divina Commedia, con tavole a colori, con riassunti dei Canti.

Per ogni Canto: luogo, data e ora, peccatori e pena con relativo contrappasso, personaggi principali e tematica principale.

Scheda tecnica

Tipo Scuola
Scuole Superiori
Numero Pagine
10
Altezza
240
Larghezza
160